Istruzione

Funghi porcini: varietà ed effetti sul corpo umano


Maiali o maiali, dal lat. Paxillus, appartengono al genere funghi della famiglia dei porcini e ordinano borotovy. In precedenza, questo fungo era classificato come commestibilmente condizionato, ma numerosi studi hanno permesso di classificare questa specie come funghi velenosi e non commestibili. Una caratteristica è l'effetto piuttosto ritardato delle tossine, nonché la capacità di causare gravi danni al corpo umano.

Commestibile o pericoloso

In genere, la descrizione di un maiale varia in base alla varietà. Nonostante il fatto che raccoglitori di funghi inesperti raccolgano ancora questo fungo, va ricordato che un fungo come un maiale è magro, velenoso e non commestibile, quindi, mangiarlo può causare cambiamenti patologici irreversibili nel corpo.

Maiale magro

Il boletus edulis sottile (Paxillus involutus) appartiene ai funghi porcini. Attualmente, questo fungo velenoso non viene utilizzato a scopi alimentari. I maiali sottili sono i seguenti:

  • i corpi fruttiferi hanno un cappello con un diametro di almeno 15 cm;
  • un cappello carnoso, su giovani esemplari di forma leggermente convessa con bordi di feltro avvolti;
  • cappello di esemplari adulti piatto o con depressione a forma di imbuto nella parte centrale;
  • la colorazione del cappuccio è spesso marrone oliva;

  • la polpa, a causa della pressione o su una fetta, è soggetta a oscuramento;
  • la superficie è secca, di tipo fibroso-pubescente, ma può essere lucida e appiccicosa;
  • la polpa è densa, morbida, di colore giallo chiaro o marrone chiaro, scurente al taglio, soggetta a vermezza;
  • gamba corta di tipo continuo con una superficie opaca di color ocra o giallo sporco.

Ad oggi, il maiale velenoso appartiene alla categoria dei funghi velenosi., ma i sintomi gravi di avvelenamento possono verificarsi non immediatamente dopo l'uso, ma dopo un po 'di tempo e sono rappresentati da una forte reazione allergica, vomito indomito, diarrea, condizioni dolorose nell'addome e un calo significativo del volume totale del sangue circolante. Raccoglitori di funghi inesperti abbastanza spesso confondono un maiale magro con un aspetto simile a un maiale grasso.

Descrizione del maiale fungo

Maiale grasso

Questa specie è popolarmente chiamata maialino di feltro. Il nome scientifico per il maiale grasso è Tapinéllaatrotomentósa. Questa varietà di funghi appartiene al genere Tapinella o Tapinella e alla famiglia Tapinella o Tapinellaceae. La differenza tra questo cappello e il fungo della gamba è la seguente caratteristica e descrizione dell'aspetto:

  • il diametro di un cappello convesso o emisferico è di circa 5-25 cm;
  • la parte centrale del cappuccio è depressa e i bordi sono piegati e carnosi;
  • la superficie è caratterizzata da vellutata e colorazione in un colore marrone ruggine o marrone ocra;
  • il piede è relativamente alto e spesso; è immerso nel substrato del suolo, cilindrico o in espansione sul fondo della forma;

  • la superficie delle gambe è di tipo lanoso-vellutato, marrone scuro o quasi nero;
  • la colorazione della polpa può variare dalla colorazione biancastra a quella ocra, con un caratteristico oscuramento sotto l'influenza dell'aria;
  • la polpa è caratterizzata dall'assenza di un pronunciato odore di funghi e talvolta dalla presenza di un sapore amaro.

Affinché i funghi raccolti non cambino colore durante il trattamento termico, è necessario aggiungere una piccola quantità di sale o aceto all'acqua. Tra le altre cose, al fine di proteggersi, si raccomanda di bagnare più volte i corpi dei frutti di un maiale grasso, cambiando periodicamente l'acqua, quindi facendo bollire i funghi e il sottaceto.

Secondo alcuni fan della caccia silenziosa, puoi semplicemente far bollire i corpi di frutta pre-puliti e lavati in acqua salata con l'aggiunta di aneto e aglio, quindi arrotolarli in barattoli sterilizzati.

Recensioni dei raccoglitori di funghi

I raccoglitori di funghi esperti sanno che un maiale magro e un maiale grasso crescono in foreste di conifere e latifoglie. Le recensioni dei raccoglitori di funghi sui maiali sono miste, e dopo che il lavoro sulla tossicità dei corpi fruttiferi del maiale è stato pubblicato, la maggior parte è riuscita a rifiutare di raccogliere tali funghi e di usarli per cucinare una varietà di piatti a base di funghi.

Molti amanti della caccia silenziosa considerano i maiali come un fungo nobile e infestante che può accumulare qualsiasi tipo di componente dannoso. È per questo motivo che i consumatori di prodotti a base di funghi preferiscono sempre più i corpi di frutti a fungo coltivati ​​artificialmente nelle serre.

Caratteristiche di raccolta del maiale spesso

Mangiare

Il maiale grasso è di solito classificato come fungo commestibile condizionatamente. I corpi fruttiferi di Tapinéllaatrotomentósa possono essere utilizzati a scopi alimentari dopo l'ebollizione preliminare e la successiva fritturai. Naturalmente, un maiale grasso è un fungo di scarsa qualità nutrizionale ed è attualmente classificato tra i funghi con effetti tossici inesplorati sul corpo umano.

Un fatto scientificamente provato è la presenza nei corpi fruttiferi di questo tipo di fungo atromentin, che è un pigmento marrone e ha pronunciato caratteristiche antibiotiche. Inoltre, il vantaggio di un maiale grasso è caratterizzato dal fatto che nei corpi fruttiferi si nota la presenza di un pigmento blu o di acido teleforico, che consente l'uso di questo fungo per conferire un colore bluastro al tessuto di lana.

Prima di friggere o chiudere il grosso maiale nei barattoli, è necessario pulire a fondo i corpi di frutta raccolti da detriti forestali e contaminanti del suolo. Quindi, i funghi vengono lavati ripetutamente in acqua corrente e fatti bollire due volte con la rimozione del brodo di funghi, che non dovrebbe essere usato per cucinare.

Molto spesso, i funghi pre-bolliti vengono utilizzati per l'inscatolamento domestico e per preparare piatti caldi, compresi i maiali fritti in salsa di panna acida. Va notato che 100 g di tale piatto contengono:

  • proteine ​​- poco meno di 3 go 3,6% della norma quotidiana;
  • grassi - 5,5 go 8,6% della norma giornaliera;
  • carboidrati: 3,5 go 1,5% della norma giornaliera;
  • fibra alimentare - 3 go circa il 15% della norma giornaliera;
  • sodio - poco più di 5,0 mg o circa lo 0,4% del valore giornaliero;
  • acqua - 84,0 go 3,5% della norma giornaliera.

Il contenuto calorico totale di un piatto adeguatamente preparato è di circa 75 kcal o poco più del 4% dell'apporto giornaliero totale. Questi indicatori devono essere presi in considerazione da persone inclini alla pienezza.

Altri tipi di maiali

Al momento è nota una descrizione dell'ordine di otto specie, ma oltre al maiale magro e al maiale grosso, i più diffusi nel nostro paese sono:

  • maiale di ontano o aspen, dal latino Paxillus filamentosus, appartiene alla categoria delle specie piuttosto rare e cresce nelle foreste decidue, sotto aspen o ontano. Una differenza caratteristica tra questa specie e il maiale sottile è la presenza di un cappello squamoso e una marcata colorazione rosso-giallastra del corpo fruttifero. Ad oggi, il maiale ontano insieme al maiale sottile è classificato come funghi velenosi;
  • maiale a forma di orecchio o Tapinella panuoides, molti raccoglitori di funghi sono conosciuti come tapinella a forma di padella. Questo tipo di maiale appartiene alla categoria dei funghi lamellari molto diffusi nel nostro paese con un corpo fruttifero, costituito da un cappello abbastanza largo e una gamba bassa. La polpa del corpo del frutto è colorazione carnosa, marrone chiaro o crema giallastra. Una volta essiccata, la polpa diventa una specie di spugnosa. L'oscuramento si osserva sul taglio. La varietà si riferisce ai funghi velenosi.

Come marinare un maiale

La presenza di diversi volumi di tossine nei corpi fruttiferi del maiale provoca l'adesione dei globuli rossi, il che può causare gravi malattie ed è per questo che non è consigliabile mangiare alcuna varietà di suini.